Home | CyberInstaller Suite | Requisiti | Download | Acquista | Storia | FAQ | Forum & Blog | Contatti | Testimonials


CyberInstaller Suite 2014 v2
FAQ, Frequently Asked Questions - Le domande più frequenti

Questa pagine raccoglie le domande poste più di frequente dai sempre più numerosi utilizzatori di CyberInstaller Suite, con le relative risposte.

E'altamente raccomandato consultare questa pagina prima di porre domande al supporto tecnico, visto che molto probabilmente qualcuno prima di voi potrebbe avere avuto lo stesso problema. In questo modo troverete subito la risposta che cercavate e potrete proseguire il vostro lavoro senza ulteriori ritardi. E' disponibile anche un forum la cui iscrizione (gratuita) è altamente raccomandata per comunicare all'autore le vostre impressioni sul software e per confrontarsi con gli altri numerosi utenti. Se non trovate la vostra richiesta in questa pagina, provate ad inoltrarla sul forum: riceverete in tempi brevi una risposta dai numerosi frequentatori ed utilizzatori del software, se non dall'autore stesso.

Si consiglia di tornare a visitare spesso questa pagina, poiché è aggiornata di continuo man mano che pervengono le richieste al supporto tecnico o al servizio clienti.



 Altre risorse e articoli utili




Indice FAQ

1. Cos'è CyberInstaller Suite?
2. CyberInstaller Suite è gratuito?
3. E' possibile distribuire pacchetti commerciali con la versione "FREE"?
4. Quali sono le licenze disponibili?
5. Quali sono le differenze tra le varie licenze?
6. Se si parla di suite, quali sono i moduli inclusi e qual è  la loro funzione?
7. Perché dovrei scegliere CyberInstaller al posto di altri installer presenti sul mercato?
8. Se cerco di utilizzare alcune funzioni di Studio mi viene detto che non ho la licenza necessaria. Cosa devo fare?
9. Perché il pannello di analisi progetto in tempo reale (in basso) mi dice che non è stato inserito alcun dato quando creo un nuovo progetto? Sbaglio qualcosa?
10. Perché ogni tanto compare un asterisco (*) accanto al nome del progetto sulla barra del titolo di Studio?
11. Quando inserisco alcune immagini al passo 2 Studio mi dice che non sono delle dimensioni corrette. Come faccio a sapere di che dimensione è l'immagine che ho inserito?
12. Al passo 3 "Documentazione", dove vengono inseriti i crediti personalizzati?
13. Al passo 4 "Dati", come faccio a visualizzare solo i file di un certo tipo?
14. Al passo 4 "Dati" è possibile creare una nuova cartella con un nome diverso da "Nuova cartella"?
15. E' possibile interrompere la procedura di inserimento dati una volta che questa ha avuto inizio?
16. E' possibile aggiungere i dati al sistema destinazione tramite drag&drop?
17. Cos'è la cartella di lavoro? Come devo impostarla?
18. Ho visto che sono stati aggiunti automaticamente alcuni elementi alla lista di cartella al passo 5. Perché?
19. Ho visto che sono stati aggiunti automaticamente alcuni elementi alla lista di file al passo 6. Perché?
20. Quando devo aggiungere file al passo 6 manualmente?
21. Come fa Studio a sapere se un file necessita registrazione o meno?
22. Quando potrebbe essere utile aggiungere delle applicazioni esterne al pacchetto?
23. Cosa vuol dire associare un'estensione?
24. Quando potrebbe risultare utile impostare degli attributi per i file del pacchetto?
25. E' necessario aggiungere dei collegamenti al pacchetto?
26. Come faccio ad aggiungere un collegamento per la rimozione del pacchetto?
27. Cos'è di preciso il "Riepilogo creazione pacchetto"?
28. Quando cerco di avviare la creazione del pacchetto mi dice che ci sono alcune segnalazioni. Cosa devo fare?
29. E' possibile fare in modo che, all'apertura o alla creazione di un nuovo progetto, Studio mi proponga già alcune impostazioni da me decise?
30. A cosa serve il "Trova Dipendenze"?
31. Alcuni file inseriti dal Trova Dipendenze hanno percorso "sconosciuto". Come faccio a indicargli il percorso corretto?
32. E' necessario creare il file autoscompattante?
33. Non devo registrare un componente per cui ho tolto il flag "registrazione", ma Studio mi mostra la segnalazione "il componente ... necessita registrazione" con il punto esclamativo. Come posso eliminarla?
34. Dove viene inserito il collegamento alla rimozione del pacchetto?
35. Come posso indicare di creare un nuovo collegamento nella cartella di gruppo indicata dall'utente?
36. Ho creato un pacchetto di installazione e il corrispettivo pacchetto eseguibile autoestraente. Posizionandolo nella radice di un CD-ROM mi dà l'errore: "Error setting path [drive]:". Ugualmente posizionandolo nella radice di qualsiasi altro drive. E' possibile eliminare tale inconveniente?
37. Al passo 4 qual è la cartella corretta che dovrei utilizzare in cui inserire i file utente: <Cartella destinazione> o <Programmi>? Qual è la differenza tra queste due cartelle se io voglio fare in modo che la cartella destinazione proposta in fase di installazione sia "Programmi\Applicazione"?
38. Quando aggiungo un'estensione da associare, devo includere anche il "." nel campo "Estensione"?
39. Ho scaricato CyberInstaller Suite 4.10b, ma quando avvio CyberInstaller Studio mi dice che ha causato errori e verrà terminato. Ho Win2000 SP4. Da cosa è dovuto?
40. Utilizzo la versione 2.45 di CyberInstaller Studio e quando carico un progetto creato con una versione precedente mi dice che si è verificato l'errore "... is not a valid integer value" dopodichè mi appare una finestra che mi chiede se convertire automaticamente il progetto. Cosa faccio?
41. Ho scaricato la versione 2.20 di CyberInstaller Suite (contenente CIStudio 3.20.2045). Dopo la creazione di un pacchetto ricevo il seguente messaggio: "Il file autoestraente nomeprogramma.exe non contiene pacchetti o è corrotto". Il Cyber l'ho installato prima come update e in seguito come full ma il problema è il medesimo. Come posso risolverlo?
42. Ho disinstallato la release 2.1 e ho installato la 2.20 full. Quando apro un progetto il programma mi segnala che il CyberInstaller Extractor non è stato trovato e non sarà possibile creare pacchetti Auto-estraenti. E' un bug?
43. Il programma ha generato il set d’installazione, ma quando deve generare l’eseguibile mi compare l’errore seguente: "ZipArchive: Cannot open file "C:\WINDOWS\system32\MSVBCM60.DLL" - Native error: 00033. File processing error, possibly disk is full." Naturalmente il file indicato è al suo posto e lo spazio su disco è più che sufficiente. A cosa è dovuto e come risolverlo?
44. E' possibile installare le due versioni contemporaneamente (quella attualmente in mio possesso e la nuova)?
45. Perchè pur avendo installato il pacchetto "completo" (full) di CIS appena avviato Studio il modulo di aggiornamento on-line (CISUpdater) mi indica che CyberExtractor non è aggiornato? Forse il nuovo CyberExtractor non è contenuto nel pacchetto?
46. Come faccio a creare un pacchetto con l'installazione che parta automaticamente, senza chiedere nè visualizzare nulla all'utente?
47. Perchè se avvio CISUpdater per controllare gli aggiornamenti in linea mi dice che le versioni dei moduli di CIS installate sono più recenti delle versioni presenti sul vostro sito? Com'è possibile?
48. Come posso integrare ed eseguire file MSM (Merge Modules) e MSI (Microsoft Installer) in un pacchetto di installazione creato con CyberInstaller Suite?
49. La nuova versione di CyberInstaller Suite supporta Windows Installer? Posso utilizzare i miei pacchetti msi e file msm in un pacchetto creato con CyberInstaller?
50. Ho bisogno di inserire un componente ActiveX (ocx o dll) nel mio pacchetto, però questo va in conflitto con vecchie versioni eventualmente già presenti nel sistema, per cui non posso farle sovrascriverle e non posso lasciare le nuove versioni, perchè non supportate dal mio applicativo. Come posso fare?
51. Il mio applicativo necessita di un particolare font per funzionare correttamente. Come faccio ad essere sicuro che venga installato correttamente sul sistema destinazione dell'utente?
52. Ho creato un pacchetto di installazione di dimensioni generose (arriva quasi a mezzo giga) e ci sta decisamente troppo tempo a essere scompattato e poi installato. Poichè il pacchetto in questione verrà masterizzato su CD, è possibile evitare il processo di scompattazione?
53. Ho la necessità di inserire nel mio pacchetto di installazione il runtime di Crystal Reports 10. Pur avendo scaricato i file .msm distribuiti dal produttore, non sono riuscito a convertirli e inserirli correttamente nel mio pacchetto CyberInstaller. Come posso fare con la versione 2006?
54. Devo inserire alcuni file di supporto a un'applicazione esterna da inglobare al pacchetto, come posso fare? L'applicazione esterna viene inglobata automaticamente senza problemi, ma non so come inserire i file di supporto.
55. Utilizzo il componente per .Net "ReportViewer". I report generati hanno "Build action = Embedded" rerource mentre le form hanno "Build action = Compile". Come devo impostare il pacchetto con CyberInstaller Studio in modo che il ReportViewer sia incorporato automaticamente e installato correttamente?
56. Come faccio ad utilizzare l'Editor dello script di installazione? Mi viene sempre detto che è avviato in modalità sola lettura.
57. Quando installo il mio pacchetto creato con CIS la finestra che dovrebbe visualizzare i dati si apre correttamente ma non visualizza nulla. Come mai? Sui pacchetti con installato Office invece funziona, è solo dove Office non è installato che riscontro il problema.
57 bis. Come faccio ad installare FM20.DLL?
58. Come faccio a mettere i miei collegamenti nel Menu Avvio in una cartella da me scelta e non direttamente in quella con lo stesso nome della cartella destinazione?
59. Come faccio a inserire anche il collegamento alla rimozione in una sotto cartella del Menu Programmi e non in quella predefinitia?




1. Cos'è CyberInstaller Suite?


CyberInstaller Suite
è una suite di programmi per creare pacchetti di installazione di applicativi creati tramite qualsiasi ambiente di sviluppo o linguaggio di programmazione (Basic, C, C++, Delphi, Fortran, Java, PHP, .Net, Visual Basic, ecc.).


2. CyberInstaller Suite è gratuito?


Sì. La versione "Free" è completamente gratuita è permette di distribuire i propri software freeware nel modo più facile ed economico, a fronte di una limitazione delle funzionalità offerte rispetto alle altre licenze (attivabili tramite l'inserimento di un codice di attivazione).


3. E' possibile distribuire pacchetti commerciali con la versione "FREE"?


No. Per distribuire pacchetti commerciali è necessario disporre di una licenza Professional.


4. Quali sono le licenze disponibili?


Le licenze disponibili, a cui effettuare l'aggiornamento dalla "Free", sono 2: la "Personal" e la "Professional". E' anche disponibile una terza licenza, la "Beta-testing", che però è utilizzabile solo da personale scelto. E' possibile acquistare una licenza registrata da qui.


5. Quali sono le differenze tra le varie licenze?


Free
: completamente gratuita. Anche se ridotta nel numero e nella potenza delle funzionalità offerte, consente di creare pacchetti freeware completamente funzionanti (componenti: 250, valori registro: 10, estensioni: 3, collegamenti: 10, applicazioni: 4, attributi: 10, pacchetto: 100 MB (solo freeware). Funzioni limitate: inserimento dati. Funzioni disabilitate: editor, importazione, modifica crediti, inserimento dati, manuale in linea, installazione a sola lettura, installazione silente, modifica proprietà pacchetto eseguibile.

Personal: consente di utilizzare Studio senza alcuna limitazione e con tutte le principali funzionalità abilitate, ma unicamente per creare pacchetti "freeware". Tali pacchetti dovranno quindi essere distribuiti gratuitamente.

Professional: offre tutte le funzionalità abilitate e consente di creare qualsiasi tipo di pacchetto con tutta la potenza, la sicurezza e la comodità offerte da Studio. E' la soluzione ideale per programmatori professionisti e aziende che fanno dello sviluppo software il loro lavoro. Include 1 anno di supporto tecnico completamente gratuito.


6. Se si parla di suite, quali sono i moduli inclusi e qual è  la loro funzione?


I programmi compresi sono 4. Installer è il cuore di CyberInstaller Suite. Si tratta infatti dell'installer che vedranno i vostri utenti e si occuperà di fare funzionare il vostro applicativo su qualunque PC dotato di qualunque sistema operativo Microsoft. Studio è il software adibito alla creazione dei pacchetti di installazione per CyberInstaller, che permette, attraverso una ricca interfaccia grafica, di preparare la struttura di cartelle necessaria e la modifica dello script di installazione in base ai parametri prestabiliti, tramite i quali definire la modalità di installazione. Tutto questo in modo completamente automatico e assistito. Inoltre CyberInstaller Studio dà la possibilità di trasformare il pacchetto creato in un archivio eseguibile compresso autoscompattante. Questo garantisce la possibilità di distribuire il proprio applicativo tramite un unico file e l'utente finale non dovrà fare altro che eseguire tale file per lanciare la scompattazione del pacchetto e avviare l'installazione dello stesso, il tutto in modo trasparente. Extractor è il modulo necessario per la scompattazione dell'eseguibile autoestraente e il successivo avvio dell'installazione. CISUpdater è il modulo di aggiornamento on-line, che consente di controllare, scaricare e installare eventuali aggiornamenti dei singoli moduli CIS (o della suite completa) presenti sul sito SilverCyberTech.


7. Perché dovrei scegliere CyberInstaller al posto di altri installer presenti sul mercato?


Ecco alcuni tra i suoi punti di forza:

1. motore di installazione/rimozione proprietario, compatto, veloce e sicuro: il motore di installazione proprietario (CyberInstaller) permette di distribuire i propri pacchetti su qualsiasi versione di Windows, anche senza Windows Installer installato (e quindi senza dovere costringere l’utente ad un eventuale aggiornamento di questo componente). Inoltre, grazie alle sue dimensioni ridotte, permette di creare pacchetti di installazione estremamente compatti e quindi idonei alla distribuzione via Internet.

2. report dettagliato di qualsiasi modifica effettuata al sistema destinazione durante l’installazione e la rimozione: ogni azione intrapresa dal motore di installazione/rimozione viene accuratamente registrata a video in tempo reale (opzione comunque disabilitabile) e in un file di testo, in modo da poter risalire facilmente a tutte le modifiche apportate al sistema dall’installazione/rimozione di qualsiasi pacchetto.

3. roll-back: possibilità di riportare il sistema nelle condizioni esatte precedenti l’installazione in modo completamente automatico e trasparente: permette, in caso di problemi, di procedere con il ripristino del sistema alle sue condizioni precedenti (sicuramente funzionanti). Questo non può essere fatto da una semplice rimozione, ma è qualcosa di più, il roll-back del sistema. Se attivato durante la creazione del pacchetto di installazione, verrà utilizzato automaticamente in fase di installazione, in modo da registrare tutti i cambiamenti effettuati al sistema e la copia di qualsiasi file sostituito. In questo modo, durante la rimozione sarà possibile per il motore di installazione (quindi in modo completamente trasparente) ripristinare il sistema nell’esatta condizione precedente l’installazione. Il tutto in modo automatico e senza l’intervento dell’utente.

4. wizard per la creazione dei pacchetti di installazione dotato di interfaccia semplice, intuitiva e funzionale, che permetterà, con un controllo automatico in tempo reale del progetto, di creare in pochi minuti un pacchetto di installazione completamente funzionante, riducendo al minimo la possibilità di commettere errori. Comprende un Trova Dipendenze in grado di gestire progetti Microsoft Visual Basic, Borland Delphi, .Net e qualsiasi eseguibile. Inoltre dà la possibilità di comprimere il pacchetto creato in un unico file autoestraente.

5. l'edizione in licenza "Free" è completamente gratuita e permette di creare pacchetti freeware senza alcuna limitazioni (se non per le funzioni avanzate).

6. supporto multilingua: sono inclusi l'Italiano e l'Inglese, ma sarà possibile utilizzare il tool Traduttore integrato per creare file di definizione linguaggio in qualsiasi lingua. Durante la creazine del pacchetto penserà Studio ad includere solo i linguaggi desiderati e, nel caso ne siano presenti più di uno, durante l'installazione verrà chiesto all'utente con quale linguaggio avviare l'installazione.

7. strumento Trova Dipendenze completamente automatico: individua tutte le dipendenze di un progetto VB, Delphi, .Net (o anche a partire dal solo eseguibile) e aggiunge i file di runtime necessari. Identifica correttamente DAO, ADO, CrystalReports, ActiveReports, il framework .Net, OCX di terze parti, file di sistema, database utilizzati, file di risorse vari, ecc.

8. supporto alla tecnologia Microsoft .NET: CyberInstaller Suite è già pronto per l'utilizzo con progetti creati tramite qualsiasi linguaggio .Net, inserendo correttamente il framework .Net ai pacchetti e aggiungendo tutte le caratteristiche necessarie per la corretta esecuzione di software scritti tramite questa tecnologia.

9. creazione e gestione codici seriali: Studio permette di creare un numero virtualmente infinito di seriali tutti diversi tra loro, in base a una chiave generatrice a scelta oppure generata casualmente. Questo garantirà la possiblità di marcare i propri pacchetti di installazione anche copia per copia, oppure per tipologie di utenti, permettendo inoltre di avere traccia delle installazioni eseguite.

10. compatibilità con Microsoft Windows XP SP2 e Microsoft Windows Server 2003: nessun problema con i più recenti sistemi operativi Microsoft. Le future versioni saranno supportate al più presto, con il rilascio di veloci aggiornamenti, così come per le ormai obsolete Win9x (abbandonate persino da Microsoft stessa).

11. supporto a Microsoft Windows Installer (.msi) e Merge Modules (.msm): CyberInstaller dà pieno supporto a Windows Installer, garantendo la piena compatibilità con i pacchetti .msi e ai merge modules (con eventuale conversione automatica). Questo per garantire una distribuzione più semplice possibile per quei componenti più ostici e già impacchettati dal produttore tramite Windows Installer, in linea con le tecnologie Microsoft più recenti.

12. installazione componenti in modalità Side-by-Side assistita: possibilità di installare alcuni componenti critici con questa speciale modalità di installazione, permessa da Microsoft a partire da Win98SE. In questo modo anche i componenti più ostici possono essere installati nel modo più semplice nella stessa cartella in cui risiede l'eseguibile, evitando moltissime problematiche che possono rendere le installazioni un vero grattacapo con alcuni componenti (registrazioni in cascata, sovrascrittura vecchie versioni, ecc.).

13. installazione font assistita: fare installare sul sistema destinazione particolari caratteri utilizzati nel vostro ultimo applicativo non è mai stato così facile! CyberInstaller permette di aggiungere qualsiasi font in modo automatico e completamente assistito, nel modo più facile possibile. In aggiunta, l'installazione dei font sul sistema destinazione non richiede alcun riavvio del sistema.

14. output selezionabile a piacere tra un eseguibile compresso autoscompattante (a cui si può assegnare un'icona a piacere), un pacchetto pronto per essere masterizzato su disco rimovibile (CD/DVD, con supporto all'autorun automatico e icona personalizzata) o una pagina web pronta ad essere integrata nel proprio sito web con un link che permetterà all'utente di scaricare immediatamente il pacchetto.


8. Se cerco di utilizzare alcune funzioni di Studio mi viene detto che non ho la licenza necessaria. Cosa devo fare?


Richiedere un aggiornamento della licenza in proprio possesso al  servizio clienti oppure consultare la pagina Licenze Registrate, che contiene anche il listino prezzi aggiornato e le modalità di pagamento possibili, tra cui la possibilità di acquistare direttamente on-line tramite carta di credito e servizio PayPal nel negozio on-line.


9. Perché il pannello di analisi progetto in tempo reale (in basso) mi dice che non è stato inserito alcun dato quando creo un nuovo progetto? Sbaglio qualcosa?


No. Le segnalazioni nel pannello di analisi devono essere viste come una sorta di lista di cose da fare affinché il progetto funzioni correttamente. Naturalmente Studio non può sapere se alcune scelte sono volute, per cui identifica con un icona rossa le segnalazioni che non permetteranno di creare il pacchetto e sono dovute sicuramente ad un errore, con una gialla con un punto esclamativo quelle che potrebbero essere potenziali problemi e quelle con una semplice "i" di informazioni quelle che sono dei semplici consigli. Gli ultimi due tipi possono essere ignorati, poiché possono essere frutto di scelte fatte in fase di composizione del pacchetto.
La segnalazione in questione è data dal fatto che quando si crea un nuovo pacchetto non sono stati ancora inseriti dati al passo 4, cosa che potrebbe essere voluta se il pacchetto non deve copiare dati sul sistema dell'utente (cosa comunque assai remota), oppure semplicemente non sono stati ancora aggiunti. Sarà sufficiente cominciare ad aggiungere file/cartelle al pacchetto per vedere scomparire la segnalazione. Quindi, se non si sta per creare il pacchetto (passo 12), la segnalazione in questione potrà essere tranquillamente ignorata.


10. Perché ogni tanto compare un asterisco (*) accanto al nome del progetto sulla barra del titolo di Studio?


L'asterisco sulla barra del titolo sta a significare che ci sono modifiche non salvate apportate al progetto corrente. Salvando il progetto l'asterisco scomparirà, a riprova del fatto che tutte le modifiche sono state salvate.


11. Quando inserisco alcune immagini al passo 2 Studio mi dice che non sono delle dimensioni corrette. Come faccio a sapere di che dimensione è l'immagine che ho inserito?


Dopo aver inserito l'immagine Studio controllerà immediatamente se questa è delle dimensioni idonee, in caso contrario visualizzerà un messaggio di avviso con le dimensioni correnti e quelle corrette, inoltre verrà aggiunta una segnalazione del pannello di analisi (sempre con entrambe le dimensioni). Per conoscere le dimensioni dell'immagine inserita (magari in caso questa sia più piccola di quella corretta, visto che in questo caso non verrà visualizzata alcuna segnalazione) basterà cliccare sul pulsante "Anteprima" dell'immagine che si desidera controllare: apparirà una finestra con l'immagine in questione; in alto verrà visualizzato il nome del file, le dimensioni dell'immagine e l'occupazione su disco.


12. Al passo 3 "Documentazione", dove vengono inseriti i crediti personalizzati?


Inserendo dei crediti personalizzati i crediti originari dell'autore e della software house produttrice di CyberInstaller Suite verranno rimossi. Al loro posto verranno visualizzati i nuovi crediti. Questi verranno visualizzati durante l'installazione del pacchetto in una finestra che apparirà quando l'utente cliccherà sul pulsante "?".
Se al passo 1 si tolgono i crediti SilverCyberTech e si lascia vuota la casella di controllo "Utilizza crediti personalizzati" al passo 3, non verrà visualizzato il pulsante "?" durante l'installazione del pacchetto.


13. Al passo 4 "Dati", come faccio a visualizzare solo i file di un certo tipo?


E' sufficiente inserire nel campo "Filtro" l'estensione desiderata (es.: "*.zip" o "*.manifest", senza virgolette) e premere INVIO. A questo punto basta, dopo avere selezionato la cartella destinazione sul sistema dell'utente nel riquadro in basso, selezionare il/i file che si desidera aggiungere e cliccare sul pulsante "Aggiungi" di destra.


14. Al passo 4 "Dati" è possibile creare una nuova cartella con un nome diverso da "Nuova cartella"?


Sì. La procedura è esattamente la stessa per rinominare una cartella in Esplora Risorse di Windows: basta selezionare la cartella destinazione in cui si desidera creare la nuova cartella, fare clic sul pulsante "Nuova" per crearla, dopodiché selezionare il nodo "Nuova cartella" e fare nuovamente clic (nota: non è un doppio clic!) su di questa per potere modificarne il nome a piacimento.


15. E' possibile interrompere la procedura di inserimento dati una volta che questa ha avuto inizio?


No. Studio avverte della dimensione della cartella che si sta per aggiungere al pacchetto destinazione e chiede una conferma. Controllando i dati visualizzati e la dimensione totale, bisognerà confermare l'inserimento dati. Fatto questo non sarà più possibile interrompere la procedura.


16. E' possibile aggiungere i dati al sistema destinazione tramite drag&drop?


No, non ancora.


17. Cos'è la cartella di lavoro? Come devo impostarla?


E' una cartella temporanea utilizzata da Studio per i passi intermedi di creazione del pacchetto. Non serve impostarla, nella maggior parte dei casi è sufficiente accettare l'impostazione proposta di default (verrà proposta la cartella temporanea di sistema dell'utente correntemente loggato). A creazione ultimata tale cartella verrà automaticamente cancellata (se non specificato altrimenti).


18. Ho visto che sono stati aggiunti automaticamente alcuni elementi alla lista di cartella al passo 5. Perché?


Le cartelle da creare vengono aggiunte automaticamente da Studio se sono necessarie, quindi nella maggior parte dei casi non è consigliabile modificare manualmente tale lista. Le cartelle sono aggiunte principalmente durante la fase di aggiunta dati al pacchetto al passo 4, ma anche durante l'aggiunta di collegamenti al passo 11. Le cartelle sono sincronizzate al passo 4.


19. Ho visto che sono stati aggiunti automaticamente alcuni elementi alla lista di file al passo 6. Perché?


I file aggiunti al passo 6 sono un riepilogo di tutti quelli inseriti al passo 4 e in più mostrano i parametri di installazione, che è possibile modificare per ciascun file. I file in questo passo sono perfettamente sincronizzati al passo 4, quindi l'aggiunta o la cancellazione di qualcuno di questi verrà riflessa immediatamente nell'altro passo.


20. Quando devo aggiungere file al passo 6 manualmente?


Mai, nella maggior parte dei casi. E' sufficiente utilizzare il passo 4 per inserire i dati che si desidera vengano inglobati nel pacchetto e il Trova Dipendenze per fare inserire automaticamente a Studio i file di supporto necessari per fare funzionare l'applicazione sul sistema dell'utente. In entrambi i casi, i file verranno automaticamente aggiunti al passo 6, senza che si riveli necessario alcun intervento manuale. L'unico caso in cui si rivela necessario l'utilizzo del passo 6 è quando si desiderasse modificare manualmente i parametri di installazione per ogni singolo file.


21. Come fa Studio a sapere se un file necessita registrazione o meno?


Studio, per proporre di default il parametro registrazione, analizza il file in questione e se questo contiene una certa funzione vuol dire che si tratta o di un controllo OCX o di una DLL ActiveX, e può quindi essere registrata. Questo modo di procedere produce risultati corretti nella maggior parte dei casi. In quelli, remoti, in cui alcuni file, pur necessitando registrazione, non devono essere registrati (per vari motivi), è possibile modificare manualmente il parametro relativo. In ogni caso, lasciando a Studio la facoltà di scegliere automaticamente si otterranno sempre i migliori risultati.


22. Quando potrebbe essere utile aggiungere delle applicazioni esterne al pacchetto?


Nei casi in cui il Trova Dipendenze rilevasse che è necessario un installer di terze parti per la corretta installazione della propria applicazione (oppure lo si vuole fare autonomamente), o ancora quando si desidera creare dei sotto-pacchetti che verranno avviati solo in base a certe condizioni del sistema destinazione (tramite il parametro "Esecuzione condizionale", es. il sistema operativo o la presenza di particolari chiavi di registro), o ancora per avviare una propria applicazione durante l'installazione, o infine per avviare l'applicazione che si è appena installata.


23. Cosa vuol dire associare un'estensione?


Significa legare, a livello di sistema, un certo tipo di file a un dato programma (è possibile associare più estensioni ad uno stesso programma, ma una stessa estensione non può essere associata a più programmi). In questo modo sarà possibile, ultimata l'installazione, aprire direttamente nel programma associato un file con l'estensione specificata semplicemente con un doppio clic su tale file. Il programma associato dovrebbe essere un eseguibile preso tra i file eseguibili del pacchetto (per questo motivo è consigliabile utilizzare l'attività "Crea prototipi associazione" del passo 9, per modificare poi gli elementi che verranno aggiunti automaticamente alla lista in base alle proprie preferenze).


24. Quando potrebbe risultare utile impostare degli attributi per i file del pacchetto?


Ad esempio quando si desidera proteggere un gruppo di file con l'attributo "sola lettura" (read-only). E' consigliabile utilizzare le attività del passo 10 per impostare un attributo a tutti i file del pacchetto automaticamente.


25. E' necessario aggiungere dei collegamenti al pacchetto?


No, ma per i pacchetti più comuni è altamente raccomandato. Tali collegamenti serviranno per semplificare all'utente l'avvio delle applicazioni installate. E' possibile creare i collegamenti in qualsiasi cartella sul sistema destinazione, ma è altamente consigliato utilizzare come cartelle destinazione solamente il Menu Avvio o il Desktop. E' possibile utilizzare le attività (pannello in basso a sinistra) per aggiungere automaticamente il collegamento alla rimozione del pacchetto e i collegamenti a tutti gli eseguibili presenti nel pacchetto.


26. Come faccio ad aggiungere un collegamento per la rimozione del pacchetto?


Cliccare sul pulsante "Aggiungi" del passo 11. Dalla finestre che apparirà spuntare la casella "crea collegamento per lanciare la rimozione del pacchetto" e cliccare su "OK" per salvare le modifiche e chiudere la finestra. Verrà aggiunto in questo modo un collegamento con destinazione |CreateRemovalLink|, che sta ad indicare proprio il collegamento creato automaticamente per la rimozione del pacchetto. In alternativa è possibile utilizzare l'apposita attività (pannello in basso a sinistra) o l'autocomposizione guidata.


27. Cos'è di preciso il "Riepilogo creazione pacchetto"?


E' un documento descrittivo (file log) che comprende tutte le azioni che verranno intraprese durante la creazione del pacchetto di installazione da parte di Studio. Sono elencati tutti i file inclusi, tutti i parametri di installazione impostati e tutte le modifiche che saranno apportate al sistema destinazione. Inoltre contiene il contenuto dello script di installazione (cioè il file Install.dat) che indica a CyberInstaller come eseguire la procedura di installazione per il pacchetto corrente.


28. Quando cerco di avviare la creazione del pacchetto mi dice che ci sono alcune segnalazioni. Cosa devo fare?


Se le segnalazioni non consentono di creare il pacchetto poiché porterebbero ad errori in fase di installazione o addirittura già in fase di creazione, Studio non permetterà di creare il pacchetto. Se invece le segnalazioni non sono critiche, Studio avviserà della loro presenza (comunque saranno sempre visibili nel pannello di analisi progetto in basso) e chiederà se si desidera creare il pacchetto comunque. Basterà prendere in considerazione le varie segnalazioni e riflettere se sono volute (cioè se si desidera creare il pacchetto con certe impostazioni, anche se queste causano le segnalazioni). In questo caso si potrà procedere tranquillamente con la creazione del pacchetto, nel caso contrario sarà sufficiente rispondere "No" e correggere le impostazioni del progetto.


29. E' possibile fare in modo che, all'apertura o alla creazione di un nuovo progetto, Studio mi proponga già alcune impostazioni da me decise?


Sì. E' sufficiente andare in Strumenti/Opzioni/Default e impostare come meglio si crede tutti i parametri desiderati. In questo modo ogni nuovo progetto presenterà di default le nuove impostazioni e la creazione dei pacchetti sarà ancora più spedita.


30. A cosa serve il "Trova Dipendenze"?


Alcune applicazioni, specialmente se sviluppate in Microsoft Visual Basic, necessitano di varie "dipendenze" e "componenti" aggiuntivi, oltre ai propri file, per funzionare correttamente. Per questo motivo Studio integra il "Trova Dipendenze", uno strumento che aiuterà a cercare automaticamente tutti quei file di supporto necessari al corretto funzionamento dell'applicazione. Il Trova Dipendenze è anche in grado di rilevare e aggiungere automaticamente tutti i file di controno (immagini, suoni, di configurazione, database, documenti, ecc.) che appartengono all'applicazione che si desidera installare.
E' sufficiente premere <F5> per aprire il Trova dipendenze, selezionare il tipo di progetto (Microsoft Visual Basic, Borland Delphi, o un semplice eseguibile) e aprire il progetto sorgente (*.vbp per i file Visual Basic, *.dpr per i file Delphi e *.exe per gli eseguibili). In questo modo verranno automaticamente elencate tutte le dipendenze trovate. Se alcune non sono necessarie è possibile togliere il segno di spunta alla loro sinistra per fare in modo che vengano ignorate. Per aggiungerle al pacchetto cliccare sul pulsante "Aggiungi al pacchetto". I file verranno automaticamente inseriti nelle cartelle appropriate. Il Trova Dipendenze produce i migliori risultati quando lavora con progetti in formato sorgente e non direttamente sugli eseguibili (anche se è sempre posssibile analizzarli).


31. Alcuni file inseriti dal Trova Dipendenze hanno percorso "sconosciuto". Come faccio a indicargli il percorso corretto?


Una volta aggiunti i file rilevati dal Trova Dipendenze, è possibile andare al passo 6 "Dettagli file" per vedere l'elenco di tutti i file inseriti nel pacchetto. Non per tutti i file trovati è possibile rilevare il percorso corretto, per cui il Trova Dipendenze inserisce "sconosciuto" come percorso per questi file che apparentemente non esistono sul sistema locale (pur essendo necessari, almeno apparentemente, per il corretto funzionamento dell'applicazione). Se alcuni file presentano come percorso la stringa "sconosciuto", sarà sufficiente un doppio clic su tali file (sempre al passo 6) per modificarne i parametri e inserirne quindi il percorso corretto.


32. E' necessario creare il file autoscompattante?


No, ma è raccomandabile. Dopo la creazione vera e propria del pacchetto Studio chiederà se si desidera procedere con la creazione del file eseguibile compresso autoscompattante. Tale file integra tutto il pacchetto, in forma compressa. La sua utilità è evidente: distribuire un unico file è molto più gestibile, specialmente per i pacchetti scaricabili da Internet. Inoltre gli utenti finali saranno facilitati, poiché per avviare l'installazione basterà avviare tale file autoscompattante.


33. Non devo registrare un componente per cui ho tolto il flag "registrazione", ma Studio mi mostra la segnalazione "il componente ... necessita registrazione" con il punto esclamativo. Come posso eliminarla?


E' sufficiente ignorare la segnalazione e proseguire comunque nella creazione del pacchetto. E' comunque consigliabile eliminare il flag di registrazione unicamente quando si è certi che, nonostante il Trova Dipendenze rilevi la necessità di tale procedura, questo porterebbe a un errore in fase di installazione.
Attenzione! Quando Studio indica che un certo file necessita registrazione nella maggior parte dei casi tale file non funzionerà senza essere registrato in fase di installazione, con un conseguente malfunzionamento dell'applicazione installata! Fare quindi molta attenzione quando si modificano i parametri impostati automaticamente da Studio.


34. Dove viene inserito il collegamento alla rimozione del pacchetto?


Nella cartella di gruppo del Menu Avvio selezionata dall'utente in fase di installazione.


35. Come posso indicare di creare un nuovo collegamento nella cartella di gruppo indicata dall'utente?


E' sufficiente, nella finestra "Aggiungi collegamento" al passo 11 "Collegamenti", selezionare "cartella di gruppo destinazione nel menu avvio (utente selezionato)" (pattern "|UserMenuFolder|") dalla combobox "Destinazione". 
In alternativa è possibile utilizzare l'apposita attività (pannello in basso a sinistra) o l'autocomposizione guidata.


36. Ho creato un pacchetto di installazione e il corrispettivo pacchetto eseguibile autoestraente. Posizionandolo nella radice di un CD-ROM mi dà l'errore: "Error setting path [drive]:". Ugualmente posizionandolo nella radice di qualsiasi altro drive. E' possibile eliminare tale inconveniente?


Il bug in questione è stato corretto a partire dalla versione 3.02.80 di "Extractor" (il motore dei pacchetti di installazione). Si consiglia di scaricare immediatamente l'aggiornamento in questione e ricreare il pacchetto di installazione.


37. Al passo 4 qual è la cartella corretta che dovrei utilizzare in cui inserire i file utente: <Cartella destinazione> o <Programmi>? Qual è la differenza tra queste due cartelle se io voglio fare in modo che la cartella destinazione proposta in fase di installazione sia "Programmi\Applicazione"?


La cartella corretta è sempre "<Cartella destinazione>". Solo questa, infatti, garantisce che l'installazione venga compiuta sempre nella cartella scelta dall'utente come destinazione per l'installazione, qualunque cartella l'utente scelga. Se invece si scegliesse "<Programmi>\Applicazione" succederebbe che anche se l'utente scegliesse una cartella diversa, verrebbe utilizzata sempre "<Programmi>\Applicazione" come cartella destinazione.
Detto questo, la procedura corretta è: al passo 4 "Dati" inserire i file utente sempre in "<Cartella Destinazione>", e al passo 5 "Cartelle" assegnare come cartella destinazione la cartella desiderata (è consigliato "|ProgramsPath|\Nome applicazione", default - inserendo solo un testo senza percorso/pattern, verrà automaticamente aggiunto il pattern |ProgramsPath|).
Al passo 4, la cartella "<Programmi>" esiste solo per particolari casi, in cui si volesse creare delle sotto-cartelle e inserirvi dei file particolari magari comuni ad altre  installazioni, o per utilizzare le cartelle di sistema <File Comuni> con le sue sottocartelle.


38. Quando aggiungo un'estensione da associare, devo includere anche il "." nel campo "Estensione"?


No, il punto non  deve essere aggiunto. E' comunque consigliabile, per aggiungere un'associazione, utilizzare l'attività "Crea prototipi associazione" presente nel pannello delle attività a sinistra. In questo modo verranno automaticamente aggiunte delle estensioni fittizie ad ogni eseguibile presente nel pacchetto e basterà eliminare gli eseguibili che non si intende associare e modificare le estensioni con quelle desiderate per ottenere le associazioni desiderate riducendo il rischio di sbagliare.


39. Ho scaricato CyberInstaller Suite 4.10b, ma quando avvio CyberInstaller Studio mi dice che ha causato errori e verrà terminato. Ho Win2000 SP4. Da cosa è dovuto?


E' un bug noto, corretto nella versione 2.45 e relativo alla sola versione 2.31.872b del modulo CyberInstaller Studio. Tale problema si manifesta con i seguenti errori in fase di avvio di Studio:


"CyberInstallerStudio.exe ha causato errori e verrà terminato."

oppure

"Error reading ImgListMainMenu.Bitmap: Failed to read ImageList data from stream."

E il processo viene terminato prematuramente.
Il bug è dovuto alla ricompilazione sotto WinXP SP2, che non presenta il problema, così come tutte le versioni di WinXP, e all'utilizzo della libreria COMCTL32.DLL in versione errata). Il problema non si verifica con i pacchetti creati (che gireranno su qualsiasi versione di Windows).

Per risolvere il problema è sufficiente scaricare una versione successiva di CyberInstaller Studio.



40. Utilizzo la versione 2.45 di CyberInstaller Studio e quando carico un progetto creato con una versione precedente mi dice che si è verificato l'errore "... is not a valid integer value" dopodichè mi appare una finestra che mi chiede se convertire automaticamente il progetto. Cosa faccio?


E' normale. L'errore descritto è dovuto unicamente al fatto che il progetto è creato con una versione obsoleta di CyberInstaller Studio, dovuto più precisamente al cambiamento del carattere separatore tra i parametri dello script. E' sufficiente ignorare l'errore e procedere con la conversione automatica del progetto (basterà rispondere Sì alla finestra di dialogo successiva) per riuscire ad aprire il vecchio progetto senza problemi e aggiornarlo nel nuovo formato.



41. Ho scaricato la versione 2.20 di CyberInstaller Suite (contenente CIStudio 3.20.2045). Dopo la creazione di un pacchetto ricevo il seguente messaggio: "Il file autoestraente nomeprogramma.exe non contiene pacchetti o è corrotto". Ho installato CIS prima come update e in seguito come full ma il problema è il medesimo. Come posso risolverlo?


Disinstallando la vecchia versione e successivamente installando la full, oppure utilizzando il pacchetto aggiornamento, rimane il file "config.dat" che contiene appunto, tra le altre cose, la posizione e il nome del file Extractor.dat (essenziale per la creazione dei pacchetti autoestraenti). Poichè con la nuova versione di CIS il file ha cambiato nome, per distinguersi nei vari linguaggi (ITA + ING), il vecchio config.dat punterà ancora a Extractor.dat, quando invece il nuovo si chiama (per l'italiano) "Extractor_ITA.dat".


Per risolvere:

1) cancellare il file config.dat e riavviare Studio

oppure

2) da Strumenti/Opzioni/Principale indicare la posizione del file "Extractor_ITA.dat" nel campo "File CyberExtractor (.dat)" e cliccare su OK.


42. Ho disinstallato la release 2.1 e ho installato la 2.20 full. Quando apro un progetto il programma mi segnala che il CyberInstaller Extractor non è stato trovato e non sarà possibile creare pacchetti Auto-estraenti. E' un bug?


Disinstallando la vecchia versione e successivamente installando la full, oppure utilizzando il pacchetto aggiornamento, rimane il file "config.dat" che contiene appunto, tra le altre cose, la posizione e il nome del file Extractor.dat (essenziale per la creazione dei pacchetti autoestraenti). Poichè con la nuova versione di CIS il file ha cambiato nome, per distinguersi nei vari linguaggi (ITA + ING), il vecchio config.dat punterà ancora a Extractor.dat, quando invece il nuovo si chiama (per l'italiano) "Extractor_ITA.dat".

Per risolvere:

1) cancellare il file config.dat e riavviare Studio

oppure

2) da Strumenti/Opzioni/Principale indicare la posizione del file "Extractor_ITA.dat" nel campo "File CyberExtractor (.dat)" e cliccare su OK.

Tutto normale quindi, nessun bug!


43. Il programma ha generato il set d’installazione, ma quando deve generare l’eseguibile mi compare l’errore seguente: "ZipArchive: Cannot open file "C:\WINDOWS\system32\MSVBCM60.DLL" - Native error: 00033. File processing error, possibly disk is full."Naturalmente il file indicato è al suo posto e lo spazio su disco è più che sufficiente. A cosa è dovuto e come risolverlo?


L'errore in figura non è un vero e proprio errore, infatti il pacchetto viene creato normalmente. Si verifica perchè l'IDE di VB6, che accede in modo esclusivo al file MSVBVM60.DLL (o a MSVBVM50.DLL nel caso di VB5), è aperto al momento della creazione del pacchetto. Per ovviare basta semplicemente chiudere l'IDE di VB prima di creare il pacchetto, oppure togliere l'inclusione del file in questione da Strumenti -> Opzioni -> Eseguibile (ma notare che così facendo il pacchetto non potrà essere installato nei sistemi precedenti a Win98SE).


44. E' possibile installare le due versioni contemporaneamente (quella attualmente in mio possesso e la nuova)?


Certamente. E' sufficiente scaricare il pacchetto "full" e installarlo in una cartella differente rispetto a quella in cui è installata la versione attuale (cioè non sopra la vecchia versione). In ogni caso durante l'installazione verrà presentato un messaggio in caso di cartella destinazione non vuota (nel qual caso, specificarne un'altra). 


45. Perchè pur avendo installato il pacchetto "completo" (full) di CIS appena avviato Studio il modulo di aggiornamento on-line (CISUpdater) mi indica che CyberExtractor non è aggiornato? Forse il nuovo CyberExtractor non è contenuto nel pacchetto?


Naturalmente i pacchetti CIS "completo" e "aggiornamento" contengono anche la versione aggiornata di Extractor (in italiano e in inglese). Il problema in questione si verifica in una particolare condizione: se si proviene da una vecchia versione che indica ancora nel CONFIG.DAT il file Extractor.dat anzichè il nuovo Extractor_ITA.dat , il pacchetto update non può aggiornarlo e si verificava il problema descritto nella faq n°41. Il CIS Updater mette fine a questo problema, però è necessario cliccare sul pulsante AGGIORNA per scaricare il mini-pacco-patch di aggiornamento. 


46. Come faccio a creare un pacchetto con l'installazione che parta automaticamente, senza chiedere nè visualizzare nulla all'utente?


Prima di tutto è necessario creare il pacchetto di installazione avendo cura di selezionare la checkbox "Installazione silente" al passo 1 "Parametri generali". A questo punto, una volta creato l'eseguibile auto-estraente, sarà sufficiente avviare il pacchetto eseguibile con il parametro a riga di comando " /silent". Questo  verrà avviato in modalità silente, cioè senza mostrarsi all'utente e verrà immediatamente avviato il processo di scompattazione e installazione, automaticamente. Il tutto in modo trasparente per l'utente finale, che in questo modo vedrà avviarsi il processo di installazione vero e proprio senza ulteriori complicazioni.
E' possibile utilizzare questa funzione per realizzare, ad esempio, CD-ROM che in autorun (appena immesso il CD nel lettore) avviano immediatamente l'installazione del pacchetto, in modo da semplificare al massimo la procedura all'utente finale.

Es.: ponendo che il nome del pacchetto compresso eseguibile sia "EasyBudget.exe", l'esecuzione silente potrà essere attivata tramite l'esecuzione del seguente comando:

    EasyBudget.exe /silent


47. Perchè se avvio CISUpdater per controllare gli aggiornamenti in linea mi dice che le versioni dei moduli di CIS installate sono più recenti delle versioni presenti sul vostro sito? Com'è possibile?


Ovviamente è impossibile che le versioni dei vari moduli che compongono CyberInstaller Suite installati sul proprio sistema siano più recenti di quelli presenti sul server SilverCyberTech. Questo problema è dovuto al fatto che il file di definizione versioni non viene realmente scaricato dal server, ma ne viene utilizzata una versione obsoleta già presente sul proprio sistema, scaricata in precedenze. Per risolvere il problema cancellare la cache del proprio browser (cancellando fisicamente i file), eliminare tutti i file temporanei di Internet ed eventualmente cancellando anche i cookies. A questo punto chiudere e riavviare CISUpdater e provare a rieseguire la procedura di rilevamento versioni.
Eventuali ulteriori malfunzionamenti potranno essere segnalati al supporto tecnico.


48. Come posso integrare ed eseguire file MSM (Merge Modules) e MSI (Microsoft Installer) in un pacchetto di installazione creato con CyberInstaller Suite?


Spesso si ha la necessità di utilizzare file predisposti per Windows Installer, quali MSM (Merge Modules) o MSI (Microsoft Installer). L'utilità dell'utilizzo di tali pacchetto giace nel fatto che spesso contengono già tutte le dipendenze necessarie per fare funzionare     tecnologie e componenti di terze parti (primo tra tutti: Crystal Reports), quindi si ha a disposizione un metodo per assicurarsi un'installazione funzionante così come viene distribuita dal produttore stesso.

E' possibile usarle tali file all'interno di un pacchetto creato con CIS? Sì, si può già fare a partire da CIS 2005 3.1, utilizzando le applicazioni esterne. E' necessario, però, tenere presente che possono essere utilizzati unicamente file eseguibili come applicazioni      esterne, dunque come fare?

E' necessario prima di tutto scaricare MsiExec dal sito Microsoft, dopodichè potrà essere usata come applicazione esterna passandole come parametro il proprio .msi, usando il seguente comando:

msiexec.exe /i

Se invece si non si dispone di un file .msi, ma unicamente di un Merge Module (.MSM), si dovrà prima convertirlo. Per farlo è possibile utilizzare l'utility MSM-to-MSI Converter che permetterà di convertire .msm in .msi. A questo punto si avrà il proprio bel MSI, pronto peer essere dato in pasto a MsiExec.

Tutto questo sarà automatico in CIS 2006, che gestirà ogni dettaglio tecnico qui illustrato in modo completamente automatico, trasparente e assistito.


Postilla: qualcuno ha chiesto dove trovare/da dove scaricare l'utility MsiExec.
Questo file è sempre presente nella sotto-cartella di sistema della propria installazione di Windows, es. C:\Windows\System32 (o "System" nei sistemi Win9x).

Sarà quindi possibile prelevare tale file come applicazione esterna passandole i parametri necessari.

N.B.: il file .msi dovrà essere posto nella cartella delle Applicazioni Esterne, cioè la "APPS", prima di creare l'eseguibile autoestraente, ma subito dopo la creazione del pacchetto stesso (la cartella APPS e tutta la struttura di cartelle necessario al pacchetto è presente nella cartella di lavoro indicata al passo 5).

Questo può sembrare un po' macchinoso, ma sarà completamente automatico e trasparente a partire da CIS 2006.


49. La nuova versione di CyberInstaller Suite supporta Windows Installer? Posso utilizzare i miei pacchetti msi e file msm in un pacchetto creato con CyberInstaller?


CyberInstaller Suite a partire dalla versione 2006 supporta Microsoft Windows Installer. Questo vuol dire che sarà possibile aggiungere file .msi (pacchetti Windows Installer) e .msm (Merge Modules) direttamente in un pacchetto CyberInstaller, tramite un apposito passo presente in CyberInstaller Studio. In questo modo sarà quindi possibile distribuire tecnologie particolari utilizzando gli eventuali pacchetti messi a disposizione del produttore stesso della tecnologia in questione, in linea con gli standard Microsoft.


50. Ho bisogno di inserire un componente ActiveX (ocx o dll) nel mio pacchetto, però questo va in conflitto con vecchie versioni eventualmente già presenti nel sistema, per cui non posso farle sovrascriverle e non posso lasciare le nuove versioni, perchè non supportate dal mio applicativo. Come posso fare?


CyberInstaller Suite a partire dalla versione 2006 supporta la modalità di installazione Side-by-Side di Microsoft, utilizzabile da Win98SE in poi. Questa permette di installare il componente direttamente nella cartella destinazione che contiene l'eseguibile della propria applicazione e di registrare il componente solamente se non presente nessun altra precedente registrazione (e quindi verisone) di un componente con lo stesso nome. Questo permetterà di evitare qualsiasi conflitto di versione e di poter utilizzare il proprio applicativo con qualsiasi versione di un controlllo ActiveX senza preoccuparsi di corrompere eventuali versioni più obsolete/recenti dello stesso controllo (presenti di default nel sistema ospite oppure installate da altre applicazioni, precedenti o successive la propria installazione).
Il supporto alla Side-by-Side offerto da CyberInstaller è completamente trasparente sia per lo svilupatore che per l'utente finale e non presenta alcuna difficolta e l'intero processo è completamente assistito e a prova d'errore.

51. Il mio applicativo necessita di un particolare font per funzionare correttamente. Come faccio ad essere sicuro che venga installato correttamente sul sistema destinazione dell'utente?


Dalla versione 2006 di CyberInstaller Suite è semplicissimo: basta utilizzare l'apposito passo Fonts, perfettamente sincronizzato con i Dati del pacchetto e i componenti da installare (i fonts non sono altro che componenti dell'applicativo). Si vedrà nella lista superiore l'elenco dei font installati nel proprio sistema e nella lista in inferiore quelli aggiunti al pacchetto. Fare doppio clic sul font desiderato per aggiungerlo alla lista e fare quindi in modo che venga installato sul sistema dell'utente senza nessun'ulteriore complicazione. Penserà a tutto CyberInstaller, garantendone l'installazione su qualsiasi sistema Windows (da Win95 in poi) e senza necessitare di alcun riavvio del sistema.

52. Ho creato un pacchetto di installazione di dimensioni generose (arriva quasi a mezzo giga) e ci sta decisamente troppo tempo a essere scompattato e poi installato. Poichè il pacchetto in questione verrà masterizzato su CD, è possibile evitare il processo di scompattazione?


Con CyberInstaller Suite 2006 sarà possibile scegliere, dal passo apposito "Media Output", se creare o no il pacchetto eseguibile autoestraente. Questo è la causa del rallentamento: appena viene avviato dall'utente deve essere infatti scompattato, cosa che appare superflua quando il pacchetto è distribuito tramite media rimovibile (CD o DVD), ma torna utile solamente in caso di distribuzione via internet. Sarà possibile quindi disabilitare la creazione dell'eseguibile autoestraente e dire a Studio di creare un pacchetto pronto per essere masterizzato su disco, in questo modo il pacchetto non sarà compresso e il suo avvio risulterà pressocchè immediato.
Da notare che CyberInstaller Studio integra il supporto all'autorun del disco creato contenente il pacchetto, in modo tale che quest'ultimo sia avviato non appena l'utente inserisce il disco nel drive. E' possibile anche scegliere un'icona personalizzata che si desidera appaia al posto dell'icona del drive del lettore utilizzato.


53. Ho la necessità di inserire nel mio pacchetto di installazione il runtime di Crystal Reports 10. Pur avendo scaricato i file .msm distribuiti dal produttore, non sono riuscito a convertirli e inserirli correttamente nel mio pacchetto CyberInstaller. Come posso fare con la versione 2006?


CrystalReports X è abbastanza ostico nella sua distribuzione. Il produttore viene incontro agli sviluppatori proponendo alcumi file merge modules (.msm) da inserire nel proprio pacchetto di installazione, ma sono pervenute segnalazioni di alcui problemi durante l'utilizzo di suddetti file.
Il sito Visual Basic Tips&Tricks ha pubblicato da poco un articolo che spiega quali file e come utilizzare il run-time di CrystalReports 10 in un pacchetto CyberInstaller. Tale pacchetto si riferisce alla versione 2005 di CIS, per la 2006 è ancora più facile, in quanto sarà sufficiente integrare i pacchetti .msi (Windows Installer) ottenuti come illustrato nell'articolo, direttamente nell'apposito passo di CyberInstaller Studio, poi al resto penserà a tutto CyberInstraller.



54. Devo inserire alcuni file di supporto a un'applicazione esterna da inglobare al pacchetto, come posso fare? L'applicazione esterna viene inglobata automaticamente senza problemi, ma non so come inserire i file di supporto.


Per inserire un file o più file di supporto a una o più applicazioni esterne inglobate nel pacchetto (quindi che necessitano di essere affiancati ad esse), è necessario procedere come segue.


Se si crea un pacchetto eseguibile:
  • nelle Opzioni/Conferme abilitare "Conferma creazione pacchetto eseguibile"
  • creare il pacchetto normalmente
  • alla richiesta di creazione del file eseguibile, cliccare su "No"
  • visualizzare la "cartella di lavoro" andando al passo 5, copiandola.
  • aprire una finestra di Esplora Risorse e incollare nella barra dell'indirizzo la cartella di lavoro.
  • entrare nella cartella APPS, dove si troveranno tutte le applicazioni esterne inglobate nel pacchetto. Copiare il/i file di supporto che intendiamo affiancare all'applicazione esterna
  • tornare a Studio e, in caso non lo sia già, portarsi al passo Creazione e nella scheda "Monitor pacchetto eseguibile".
  • Cliccare su "Crea exe"

Se invece non si desidera creare l'eseguibile, ma solo una cartella pronta per essere masterizzata (vedi passo 17 "Media output"), basterà:
  • creare il pacchetto normalmente
  • entrare nella cartella che racchiude tutto il pacchetto
  • copiare nella sotto-cartella "APPS" il/i file di supporto

Questo conclude entrambe le procedure da seguire per copiare qualsiasi file di supporto all'applicazione/alle applicazioni esterna/e (che saranno già state inserita automaticamente durante la creazione del pacchetto).



55. Utilizzo il componente per .Net "ReportViewer". I report generati hanno "Build action = Embedded" rerource mentre le form hanno "Build action = Compile". Come devo impostare il pacchetto con CyberInstaller Studio in modo che il ReportViewer sia incorporato automaticamente e installato correttamente?


Su MSDN si legge: "Il controllo ReportViewer ridistribuibile è un file autoestraente denominato ReportViewer.exe che include un file con estensione msi e altri file. Il file ReportViewer.exe è reperibile nel percorso seguente:
C:\Programmi\Microsoft Visual Studio 8\SDK\v2.0\BootStrapper\Packages\Report Viewer\ReportViewer.exe. [...] è necessario eseguire ReportViewer.exe nei computer di distribuzione." Quindi sarà sufficiente aggiungere l'eseguibile ReportViewer.exe tra le applicazioni esterne del pacchetto di installazione per installare correttamente il componente sul computer destinazione.


E' possibile utilizzare l'editor dello script solamente quando si crea un pacchetto eseguibile, altrimenti sarà possibile molto più semplicemente modificare il file Install.log direttamente.

Creando invece il pacchetto eseguibile, visto che lo script è inserito nel pacchetto compresso, è possibile utilizzare l'editor prima che venga creato il pacchetto eseguibile vero e proprio.

Per fare questo, abilitare da Opzioni/Conferme la voce "Conferma creazione pacchetto eseguibile". A questo punto assicurarsi di creare l'eseguibile al passo 18 "Eseguibile). Lanciare la creazione del pacchetto (F4). Quando verrà richiesto di creare l'eseguibile, rispondere "NO". Il pulsante "Avvia editor script" sarà a questo punto abilitato e, cliccandolo, si aprirà l'editor in modalità "normale", dandoci così la possibilità di modificare lo script a nostro piacimento.

Una volta modificato il contenuto dello script, cliccare sul pulsante "Aggiorna pacchetto corrente" (F4), rispondere Sì alla richiesta di conferma. Apparirà a questo punto una finestra di dialogo che ci informa se si desidera salvare o meno lo script (questo perchè l'editor dello script verrà chiuso, quindi lo script verrà perso) la cui risposta è indifferente per i nostri scopi. Una nuova finestra di conferma apparirà, in cui ci viene confermato che lo script è stato modificato con successo e adesso è possibile creare il pacchetto eseguibile. Cliccare su "Sì" per confermare la creazione.

A questo punto sarà creato il pacchetto eseguibile autoestraente con lo script di installazione modificato. 


57. Quando installo il mio pacchetto creato con CIS la finestra che dovrebbe visualizzare i dati si apre correttamente ma non visualizza nulla. Come mai? Sui pacchetti con installato Office invece funziona, è solo dove Office non è installato che riscontro il problema.


Sicuramente viene distribuito il file FM20.DLL, referenziato nel nostro progetto sorgente ma che non è sufficiente. Si dovrebbe per prima cosa distribuire questi tre file:
- FM20.DLL
- FM20ENU.DLL
- FM20ITA.DLL

E' però importante notare che la libreria FM20.DLL (che viene installata anche con VS6) non può essere distribuita, altrimenti si viola il copyright di Microsoft, come indicato in questo articolo: Usage and Redistribution of FM20.DLL. Infatti, questo file non è tra quelli distribuibili, come indicato in C:\Programmi\Microsoft Visual Studio\REDIST.TXT.

Se però si legge attentamente l'articolo, c'è fortunatamente una scappatoia: installare il Microsoft ActioveX ControlPad. Questo controllo però non è legale includerlo direttamente nel pacchetto di installazione, ma è necessario che l'utente lo scarichi e lo installi separatamente, sempre per non violare il copyright Microsoft. Per facilitare le cose all'utente si può usare la funzionalità "Prerequisiti software" presente a partire da CIS 2009, che permette di scaricare al volo i file necessari ed installarli quando e se necessario.


58. Come faccio a mettere i miei collegamenti nel Menu Avvio in una cartella da me scelta e non direttamente in quella con lo stesso nome della cartella destinazione?


E' sufficiente non utilizzare il pattern "|$UserMenuFolder$|", ma quello relativo al Menu Avvio\Programmi ossia "|$StartProgPath$|" che permette la massima libertà nel definire la destinazione per un collegamento nel Menu Avvio.

Es.: |$StartProgPath$|\<ditta>\<nome applicativo>  


59. Come faccio a inserire anche il collegamento alla rimozione in una sotto cartella del Menu Programmi e non in quella predefinita?


[integrazione a FAQ n° 58] Per creare un collegamento alla rimozione del pacchetto in una qualsiasi cartella destinazione nel Menu Avvio, NON bisogna utilizzare nè la casellina "Crea collegamento per lanciare la rimozione del pacchetto" (in basso alla finestra "Aggiungi pacchetto), nè l'opzione "rimozione" del primo passo della "Procedura guidata aggiunta collegamento), infatti entrambi questi metodi creeranno un collegamento automaticamente, sempre posizionato nella cartella Menu Avvio\<nome applicazione> (dove <nome applicazione> è identico al nome che abbiamo dato alla cartella destinazione al passo 5).

Quindi, per creare il collegamento alla rimozione dovunque voglia, seguiamo questa procedura:

  1. andare al passo 13 "Collegamenti"
  2. cliccare su "Aggiungi" oppure tasto destro sulla lista e poi clic su "Aggiungi collegamento"
  3. nel campo "Nome descrittivo collegamento" inserire un testo a piacere, ad es. "Disinstalla" o "Rimozione"
  4. nel campo "File puntato" inserire: "|$AppPath$|\Dati installazione\CyberUninstaller.exe"
  5. nel campo "Parametri a riga di comando utilizzati dal collegamento inserire: " /|$AppPath$|\Dati installazione\Uninstall.dat" (attenzione allo spazio prima del carattere "/")
  6. nel campo "Cartella in cui creare il collegamento" lasciare il default "|$UserMenuFolder$|" oppure inserire "|$StartProgPath$|" per specificare anche la cartella madre in Menu Avvio senza utilizzare <nome applicazione> [vedi FAQ n° 58].
Questo è valido per un pacchetto in ITALIANO. Per un pacchetto invece in INGLESE è necessario sostituire "Dati installazione" in "Installation data".



CyberInstaller Suite - Follow the easy way.

.:: SilverCyberTech ::.
Via Ca' Baroncello, 17 - 36061 Bassano del Grappa (VI) - ITALIA -
c.f. PPPSRG78C07A471M - p.iva 03373380249
Tutti i marchi di fabbrica, i marchi di servizio e i nomi commerciali contenuti nel sito sono di proprietà delle rispettive aziende.